Orgatec Trend Report 2016

| by | News | 0 comments:

È terminata l’edizione 2016 di Orgatec a Colonia, una delle più importanti fiere del settore ufficio, quest’anno caratterizzata dal tema “New visions of work”.
Attraverso il motto Creativity works, l’Ente Fiera ha chiesto a espositori e visitatori di riflettere sulla trasformazione in atto nel mondo dell’ufficio e sulla richiesta di prodotti coerenti con le nuove esigenze dei lavoratori.

Il comfort e il benessere del lavoratore sono i leitmotiv di questa edizione, presenti in ogni stand attraverso la proposta di soft-seating,  divani e poltrone pensati per aree di attesa, riunioni informali e focus work, caratterizzati da forme avvolgenti che oltre a garantire ergonomia, permettono l’isolamento visivo e acustico. Le proposte della maggior parte degli espositori puntano verso la realizzazione di intere famiglie di prodotti realizzati con materiali isolanti per separare e attenuare il disturbo causato dall’eccessivo affollamento degli spazi, per venire incontro alla crescente esigenza di privacy dei lavoratori.

orgatec-2016-trend-report-level-office-landscape-comfort-and-privacy

Il Biophilic Design invece, resta ancora un tema confinato, basato solamente su applicazioni di Moss-tile, ma senza un’indagine approfondita che ne evidenzi le grandi potenzialità. Sicuramente c’è ancora molto da fare per portare alla luce il concetto che, l’integrazione di elementi naturali all’interno dello spazio ufficio, può garantire un aumento significativo della produttività dei lavoratori.

orgatec-2016-trend-report-level-office-landscape-biophilic-design

L’open-space, ultimamente criticato a causa degli studi sulla riduzione della produttività in ambienti troppo affollati e rumorosi, resta in posizione di assoluta centralità anche quest’anno. I protagonisti infatti, sono gli arredi multipli realizzati per consentire la condivisione di dati e informazioni tra i lavoratori: oggi si cercano soluzioni sempre più mirate alla separazione acustica ma non visiva, privilegiando soluzioni ergonomiche che incontrano i bisogni delle persone che fruiscono degli spazi.

orgatec-2016-trend-report-level-office-landscape-flexibility

L’aumento del bisogno di privacy vede il moltiplicarsi di prodotti come box autonomi indipendenti dall’involucro edilizio e phone boot dove conversare al telefono o in videoconferenza, estraniandosi temporaneamente dal luogo di lavoro condiviso. Interessanti proposte arrivano da aziende che provengono da settori differenti come quello del seating, oppure che realizzano questi nuovi prodotti partendo dai propri sistemi di partizione.

Camminando attraverso gli stand di Orgatec, non si individuano solamente le tendenze in atto, ma ci si interroga per comprendere se queste siano solamente mode temporanee o se nel breve periodo saranno capaci di trasformare il mondo dell’ufficio in modo permanente. Osservando le nuove proposte di furniture, viene facile chiedersi: domani lavoreremo in piedi o seduti? La scrivania sarà regolabile solo in altezza? E se non avessimo più bisogno di una scrivania?

La società liquida teorizzata dal sociologo Bauman, si è concretizzata nella rappresentazione della nostra realtà quotidiana:  la tecnologia è l’elemento di flessibilità che connette il mondo del lavoro a quello privato perché è divenuta parte essenziale di qualsiasi attività. Assistiamo oggi alla fusione del mondo online e offline che porta l’ufficio a perdere i propri confini: non più uno spazio fisico definito, ma spesso un luogo transitorio, flessibile, in cui la connettività e l’interazione tra le persone sono parte essenziale dell’organizzazione aziendale, che lascia più libertà di gestione dello spazio e del tempo.

Il lavoro senza confini richiede da parte delle aziende di Office Furniture e dei progettisti un totale ripensamento dell’ambiente ufficio, un approccio originale che sia capace di immaginare nuovi scenari e che permetta l’introduzione della realtà virtuale e di dispositivi come Microsoft Hololens, che ridisegnerà le modalità di lavoro di domani. La tecnologia non dovrà più essere un complemento del settore arredo, relegato a un padiglione lontano dal fulcro espositivo dei prodotti, ma diventerà un’imprescindibile caratteristica grazie alla quale progettare le User Experience dei lavoratori, per rendere l’ambiente di lavoro di domani un vero e proprio Smart Office.

 

*Le immagini di questo report sono state scattate da Level Office Landscape durante Orgatec 2016.  I prodotti ritratti non fanno parte del catalogo Level.