Architect@Work, where architects meet innovations

| by | Eventi | 0 comments:

Alla ricerca di nuovi trend e di possibili collaborazioni, l’Arch. Massimo Gianquitto e il suo staff hanno partecipato ad Architect@Work, fiera internazionale dedicata alle ultime novità nel mondo dell’architettura e riservata ai professionisti del settore. La manifestazione, che si è tenuta il 23 e 24 novembre a Milano, ha riunito Architetti e Designer per osservare i prodotti più innovativi che il mercato di oggi propone.

Level si è focalizzata sugli espositori che proponevano soluzioni acustiche innovative, aspetto fondamentale per gli ambienti ufficio. Tra i vari prodotti spiccavano feltri per rivestimenti murali e decorazioni d’interni e pannelli divisori modulari fonoassorbenti composti al 100% da pura lana merino, materiale tessile e allo stesso tempo tecnologico, ignifugo ed ecocompatibile di Bwf FeltecInteressante la sperimentazione di Fir Fulda, con un composito fibroso ad alta efficienza acustica, estremamente leggero e di spessore ridotto (fino a 30 mm). Da citare anche pannelli sospesi o applicabili ai controsoffitti e rivestimenti da parete come il Rockfon di Rockwool.

Lo staff si è poi concentrato sulle aziende specializzate nel verde per interni, approfondendo informazioni sui sistemi modulari “portavasi” di Air garden per coltivazioni vegetali verticali su due lati, che creano separazioni di spazi condivisi e privati. Verde Profilo ha proposto applicazioni di MOSSwall, licheni naturali adatti al rivestimento di qualsiasi superficie e con eccellenti qualità di assorbimento acustico, mentre Skema ha esposto un sistema di prato a parete abbinato a pannelli fonoassorbenti per garantire benessere acustico alle persone che vivono gran parte della loro giornata in spazi interni.

Tra i piccoli stand triangolari, infine, è stato possibile osservare nuovi materiali e finiture per pannelli in melaminico (il tema di A@W del 2016 è il legno), vetrati e laminati. Ogni cosa diventa materica: le pietre incise caratterizzate da una texture geometrica di Petra Antiqua, i rivestimenti in alluminio dall’effetto tridimensionale di Prefa Italia, il metallo arricchito dall’abbinamento di trame di Puricelli, i laminati HPL di ultima generazione a poro sincronizzato sviluppati da SM’ART e i wallcovering dall’effetto grafico 3D di Vescom.

Per quanto riguarda il vetro, una nuovissima applicazione è il vetro tessile di Bisson Bruneel e Nya Nordiska che hanno realizzato vetri laminati con all’interno tessuti come lana, lino e fibre originali, rame, abacà e buntal che rendono il supporto una materia che crea lo spazio e struttura la luce.